Studio Documenti Materiale Chi siamo Contatto
Studio di consulenza tecnica Bernardini
Schede Segnaletica VDT Privacy sul lavoro

 

 

 

TRAPANO ELETTRICO

 

Il trapano è un utensile di uso comune, adoperato per praticare fori sia in strutture murarie che in qualsiasi materiale (legno, metallo, calcestruzzo, ecc.), ad alimentazione prevalentemente elettrica. Esso è costituito essenzialmente da un motore elettrico, da un giunto meccanico (mandrino) che, accoppiato ad un variatore, produce un moto di rotazione e percussione, e dalla punta vera e propria.

Il moto di percussione può mancare nelle versioni più semplici dell'utensile, così come quelle più sofisticate possono essere corredate da un dispositivo che permette di invertire il moto della punta.

 

Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:

 

1) Caduta di materiale dall'alto o a livello;

2) Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni;

3) Elettrocuzione;

4) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori;

5) Ustioni;

 

Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:

 

1) Trapano elettrico: misure preventive e protettive;

 

Prescrizioni Esecutive:

 

PRIMA DELL'USO: assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V), o alimentato a bassissima tensione di sicurezza (50V), comunque non collegato a terra; accertati che il cavo di alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; assicurati del corretto funzionamento dell'interruttore; accertati del buon funzionamento dell'utensile; assicurati del corretto fissaggio della punta; accertati che le feritoie di raffreddamento, collocate sull'involucro esterno dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; assicurati che l'elemento su cui operare non sia in tensione o attraversato da impianti tecnologici attivi.

 

DURANTE L'USO: durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione elettrica; posizionati in modo stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; evita assolutamente di compiere operazioni di registrazione, manutenzione o riparazione su organi in movimento; verifica la disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di lavoro e i passaggi, e non siano soggetti a danneggiamenti meccanici; assicurati che terzi non possano inavvertitamente riavviare impianti tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona di lavoro; durante le operazioni di taglio praticate su muri, pavimenti o altre strutture che possano nascondere cavi elettrici, evita assolutamente di toccare le parti metalliche dell'utensile; informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.

 

DOPO L'USO: assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.

 

Riferimenti Normativi:

CEI 107-43;

CEI 23-16;

CEI 23-5;

CEI 64-8 CAP. XI Sez. 4;

Circolare 25/11/1991 n. 23;

Circolare n. 103/80;

D.Lgs. 81/08;

LEGGE 1/3/1968 n. 186.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Studio      Documenti      Materiale      Chi siamo      Contatto